.

Data di nascita: 
01/01/1891
Data di nascita: 
La definizione del giorno e del mese sono inserite convenzionalmente come "1 gennaio" in quanto, in questa circostanza, l'unico dato certo è l'anno
Luogo di nascita: 
Non conosciuto
Data di morte: 
01/01/1979
Data di morte: 
La definizione del giorno e del mese sono inserite convenzionalmente come "1 gennaio" in quanto, in questa circostanza, l'unico dato certo è l'anno
Luogo di morte: 
Non conosciuto
Titolo di studio: 
non indicato
Professione: 
Fabbro
Orientamento politico: 
Sinistra
Mandati: 
da 24/03/1946 a 25/05/1952
Comune: 
Amelia
Partito politico: 
Partito socialista di unità proletaria
da 26/05/1952 a 27/05/1956
Comune: 
Amelia
Partito politico: 
Partito socialista italiano
da 28/05/1956 a 06/11/1960
Comune: 
Amelia
Partito politico: 
Partito socialista italiano
da 07/11/1960 a 22/11/1964
Comune: 
Amelia
Partito politico: 
Partito socialista italiano
Biografia: 

Nato in una famiglia di tendenza socialista, subisce angherie durante il regime fascista ma per la sua bonomia veniva considerato "libero pensatore" e ciò gli consente di avere buoni rapporti con la classe dominante che si avvale della sua attività di fabbro.
Dopo la liberazione dell'Umbria, nell'ottobre del 1944 Cafiero Liberati, già vicesindaco con il Cln, viene eletto nel Comitato comunale dei patrioti (di cui fanno parte, oltre al sindaco Silvio Pacifici, nominato dal prefetto nel giugno 1944, Ezio Passerini, Gino Carlani, Primo Della Rosa, Luigi Nicolucci e Luigi Ciuchi). Il 1° dicembre dello stesso anno è componente della neonominata Commissione per la concessione dei sussidi di studio del lascito Ciatti (insiema al sindaco Pacifici, al presidente del Cln Cesare Zanetti e alla preside della scuola media Flora Scorza). 
Viene eletto sindaco (con 23 voti, 6 schede bianche e 1 nulla) dal consiglio comunale del 13 aprile 1946, a seguito delle elezioni del 24 marzo. Durante queste prime consultazioni libere si presenta con il Psiup in una coalizione che comprende anche repubblicani, comunisti e indipendenti di sinistra. Nella carica di sindaco viene confermato in più tornate elettorali fino al 1964.
Il 20 febbraio 1952 il prefetto di Terni lo sospende per un mese dalle funzioni di ufficiale di governo per non aver comunicato al questore l'affissione di un manifesto del Pci.
Nel 1955 la sua amministrazione invia al Ministero competente la domanda  per la costruzione di edifici scolastici nel centro di Amelia.
Il 18 dicembre 1955 la sua giunta ratifica la cessione di aree per la costruzione di case popolari nel comune di Amelia, ai sensi della legge 9 agosto 1954, e nomina una commissione per scegliere dove collocare una lapide in memoria degli alunni e degli insegnanti morti a causa del bombardamento aereo alleato del 25 gennaio 1944 che aveva come bersaglio il ponte sul Rio Grande.
Il 19 marzo 1956 la giunta delibera la concessione gratuita di acqua per le scuole di avviamento e per l'istituto professionale, un contributo per il funzionamento del Comitato provinciale per la lotta contro le infezioni tifoidee per il 1956, nonché l'aggregazione della frazione di Frattuccia al comune di Amelia. 
Il 10 aprile dello stesso anno viene concesso l'uso gratuito di un locale di proprietà comunale alla sezione Combattenti e reduci; inoltre, viene approvato lo statuto del Consorzio per l'approvvigionamento idrico tra i comuni di Amelia, Guardea, Alviano, Lugnano in Teverina, Montecchio, Attigliano e Giove. Infine, vine deliberata l'istituzinone nel comune di Amelia di un istituto tecnico superiore ad indirizzo commerciale e geometri.
Nell'anticamera dell'ufficio del sindaco si trova una statua a mezzo busto che lo ritrae.
A lui è intitolato anche il Parco fluviale del Rio Grande.

Fonti: 

Ministero dell'Interno, Archivio storico delle elezioni, Microfilm elettoraleElezioni comunali 1946, Amelia.
Umbria. I sindaci. Gli stemmi,  introduzione di Enrico Sciamanna, Petra, Bastia Umbra 2002, p. 354.
Costruttori di Democrazia. Il Novecento ad Amelia, Edizioni Thyrus, Arrone 2016, pp. 4, 6, 18, 20, 25, 27, 34, 37-38, 40, 49, 51, 79.
http://www.umbertocerasi.it (consultato il 10 agosto 2017).
http://www.ameliaonline.it/amelia-l-eta-moderna/lng1ct0pg14ps62.htm (consultato il 10 agosto 2017).
http://www.umbriaon.it/amelia-sgarbi-inizia-attaccando-il-caos/ (consultato il 10 agosto 2017).
http://www.turismoamelia.it/ita/14/amerino-terra-di/1/amerian-mix-urban-trail/? (consultato il 10 agosto 2017).
http://www.cittaslow.it/evento/it-amelia-costruttori-di-democrazia-il-900-ad-amelia (consultato il 10 agosto 2017).
http://www.dirdidatticamelia.it/htm/storiascuo/1940-1960/web/1944-1945.htm (consultato il 10 agosto 2017).
http://www.dirdidatticamelia.it/htm/storiascuo/1940-1960/web/1955%20-1956.htm (consultato il 10 agosto 2017).

Continua la ricerca

(anche solo iniziale del cognome)